- Advertisement -spot_img

CATEGORY

Editoriale

Per una nuova cultura dei diritti

Un dibattito andato a male – Lo scontro consumatosi appena poche settimane fa sulla proposta di legge ormai universalmente conosciuta come “ddl Zan” (dal nome del suo presentatore) lascia una ennesima, profonda ferita nel dibattito che da decenni si trascina nel Paese fra cattolici e non credenti intorno al tema dei cosiddetti “diritti civili”.

Lavoro, PNRR e legge di bilancio 2022

La domanda che bisogna porsi nello studiare i capitoli sociali della legge di bilancio 2022 è: l’Italia, intesa come sistema economico-sociale, è davvero in via di guarigione? Cioè, è sufficiente un rimbalzo del PIL per dire che stiamo progredendo anche nell’ambito delle protezioni sociali?

Giovani e lavoro: quello che il dibattito non dice

Al di là delle retoriche, la vera sfida per l’Italia è dunque quella di mettere a pieno regime gli strumenti di conciliazione giovani-imprese che sono a disposizione, come l’alternanza scuola-lavoro e l’apprendistato duale. Non per portare avanti una battaglia di nicchia, ma perché, in un mondo del lavoro in continuo transito e trasformazione, la formazione integrale della persona deve essere al centro della questione occupazionale.

5 domande a… Ciro Cafiero “Il lavoro che cambia. La nuova prospettiva solidale”

La dottrina sociale svela il valore autentico del lavoro che diventa, non merce come i rigurgiti della tradizione fordista hanno voluto, ma atto di amore, viatico per la felicità. Erano dello stesso avviso i Padri Costituenti e i protagonisti della storia come Primo Levi quando immaginavano montatori di gru, come Tino Faussone, innalzare le loro gru fino al cielo per raccogliere la polvere delle stelle...

L’alleanza come categoria politica. L’impegno dopo la Settimana sociale

Quando parliamo di transizione verde pensiamo sempre ai provvedimenti economici o ai programmi politici, come ai diversi piani di ripresa e resilienza europei. Eppure, occorre ricordarsi che non ci può essere transizione verde senza considerare anche la dimensione sociale del cambiamento...

Elezioni amministrative 2021: Astensione. Protesta. Lealtà

Il nodo di queste elezioni è l’astensione. Questo fenomeno sembra l’ultima tappa di un percorso almeno decennale: siamo passati per la retorica del sindaco e del comune come il livello più vicino agli elettori, a una certa freddezza dei cittadini verso le elezioni amministrative. Forse oggi, a causa di alcuni elementi che cerchiamo di evidenziare, non è più scontato che il livello politico del territorio sia sentito vicino dai suoi abitanti...

5 domande a… Sergio Gatti “Il pluralismo bancario per uno sviluppo inclusivo, partecipato, distribuito”

di Francesco Occhetta Sergio Gatti è sposato con tre figlie. Direttore generale di Federcasse, è consigliere ABI, vice presidente Fondosviluppo, vice presidente Comitato Scientifico-organizzatore Settimane...

5 Domande a Elena Bonetti “Serve il coraggio della politica per «fare nuove le cose»”

La parola che credo possa animare e liberare di più le energie delle nuove generazioni è “coraggio”, perché direziona lo spirito e l’intelligenza in una prospettiva di futuro, in uno sguardo in avanti...

La coalizione “semaforo” per il dopo Merkel: il voto tedesco e il futuro dell’Europa

Dalle prime analisi del voto emerge che la metà dei giovani dichiara di aver votato per i Verdi o per i Liberali. Questa preferenza può essere letta in due modi: come richiesta di pragmatismo, nel senso ambientalista o per l’occupazione e la crescita economica dei giovani; oppure come consolidamento ideologico...

5 Domande a Francesco Occhetta “La politica oggi: far germogliare persone e processi”.

In questo scenario il presidente del Consiglio Mario Draghi è come la kryptonite per i “superman” della politica che perdono forza davanti a lui per la sua competente e coerenza. Sembra di rivedere in lui molti suoi ex-professori gesuiti che, quando salivano in cattedra non volava una mosca. Venivano apprezzati per la loro preparazione, rispettatati per il loro rigore, stimati per la loro libertà. Certo per il Presidente Draghi vale il detto, “una rondine però non fa primavera”, ma la scuola Draghi può anticipare la stagione della primavera almeno per le generazioni che si stanno avvicinando alla politica.  Gli economisti distinguono un manager da un leader.

Latest news

- Advertisement -spot_img